Editoria, Valore (editore Dire): “Da FNSI nessuna soluzione”

0
306

“Come Editore dell’agenzia Dire giudico davvero singolare e contraria all’interesse dei lavoratori la presa di posizione della Fnsi che, addirittura, “invita” il Governo a non dare all’agenzia i contributi per l’acquisto dei servizi giornalistici che spettano a norma di legge. Sono due anni che la Fnsi e tutto il sindacato hanno a disposizione i bilanci dell’agenzia Dire. Spiace constatare che dopo tanto tempo non abbiano voluto vedere la realta’ della crisi finanziaria che attanaglia l’azienda reduce da controversie giudiziarie pesanti non ascrivibili alla nuova proprietà. Senza l’intervento deciso oggi dopo 70 giorni di confronto (alla fine senza accordo) si poteva mettere a rischio non 15 ma tutti e 73 i giornalisti insieme agli altri 40 dipendenti.

“IL SINDACATO HA I NOSTRI CONTI IN MANO DA DUE ANNI”

“Solo chi agisce in base a vecchi schemi ideologici può pensare che un Editore sia contento di licenziare anche un solo giornalista e che non comprenda le difficoltà di ciascuno anche se i 15 che andranno in mobilita’ percepiranno l’indennità di disoccupazione. Il sindacato da due anni ha i nostri conti in mano, e da due anni non è riuscito a trovare una sola soluzione praticabile per scongiurare il rischio di fallimento. Da parte mia, sono consapevole che la soluzione migliore sia quella che permette di salvare più dipendenti possibile. E anche questo lo abbiamo fatto. Solo così si può sperare di restare sul mercato cercando di recuperare fatturato e magari in futuro riprendere al lavoro chi va in disoccupazione. Se invece la soluzione prospettata dal sindacato è solo quella di chiedere al Governo di bloccare l’acquisto dei nostri notiziari mi domando se ‘muoia Sansone con tutti i Filistei’ e’ quello che i dipendenti della Dire si aspettavano dalla Fnsi”. Così, in una nota, l’Editore dell’agenzia Dire, Stefano Valore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome