Videogame. “Epic Chef”, fra simulazione culinaria e avventura grafica

0
400

Intraprendere la carriera di chef è la passione di molti e lo dimostrano anche i numerosi programmi di cucina presenti nel panorama televisivo mondiale, oltre che i numerosi libri e tutorial culinari presenti nelle librerie e sul web. Tale passone non poteva che raggiungere anche il mondo dei videogiochi e, in questo senso, ecco approdato “Epic Chef”, ovvero un’avventura grafica che combina elementi di simulazione di vita e aspetti gestionali.

In “Epic Chef” impersoneremo Zest, un giovane aspirante chef approdato sull’isola caraibica di Ambrosia. L’ambientazione ricorda un po’ l’epopea dei pirati e la grafica è decisamente in stile cartone animato. Sull’isola, Zest, avrà a disposizione una villa fatiscente e infestata, ma dotata di cucina e di un ampio giardino, nel quale iniziare ad allevare animali (persino unicorni !) e coltivare verdure per preparare i primi manicaretti, oltre che realizzare macchinari per ristrutturare la villa e raffinare gli ingredienti per nuovi succulenti piatti.

Zest, da voi guidato, si troverà a unire e mescolare con cura gli ingredienti per i piatti, esaltandone l’aroma e cercando di ottenere i migliori risultati in termini di vigore, raffinatezza e spirito. Ovvero i tre elementi fondamentali (oltre al sapore e all’aroma) affinché un piatto sia considerato positivamente dai giudici, al fine di vincere le sfide e ottenere il titolo di miglior chef di Ambrosia.

Certo, prima occorre però ottenere una licenza per poter cucinare e, per poterlo fare, occorre accumulare sufficiente danaro… E proprio queste saranno le prime sfide che si dovranno compiere al fine di intraprendere la lunga carriera di chef !

La combinazione degli ingredienti è l’aspetto più interessante del gioco, in quanto permette di realizzare numerose ricette differenti e persino curiose, oltre che totalmente folli.

E’ possibile, ad esempio, realizzare piatti vegetariani fatti di verdure (patate, pomodori e carote, ad esempio), oppure addirittura piatti assurdi realizzati con verdure e…vermi, topi e persino legna da ardere !

L’isola di Ambrosia, con le sue vie e stradine tortuose, è ricca di negozi nei quali acquistare numerosi prodotti, oltre che di ristoranti, taverne e una spiaggia nella quale poter pescare, raccogliere alghe e granchi per i nostri piatti !

Nell’isola, Zest, dovrà inoltre confrontarsi e farsi conoscere dai suoi abitanti: cavalieri, negozianti, aspiranti chef, soldati ed altri ancora, partecipando a numerose missioni e, appunto, sfide culinarie.

“Epic Chef”, sviluppato da Infinigon Games (http://infinigon.es) e editato da Team17 (https://www.team17.com), è un gioco nel complesso simpatico e colorato, adatto soprattutto ad un pubblico giovane e giovanissimo.

Ricorda, nel suo essere un simulatore di vita, un po’ la serie di videogame “Youtubers Life”, per quanto il suo ritmo sia un po’ più lento e meno incalzante.

Il gicatore si troverà direttamente immerso nel gioco, senza un tutorial introduttivo, ma le dinamiche gli verranno spiegate mano a mano che l’avventura procede.

Non esiste la possibilità di saltare alcuni passaggi, per cui, specialmente all’inizio, i dialoghi risulteranno un po’ lenti e così le dinamiche, il che potrebbe un tantino annoiare.

Altra pecca del gioco è l’impossibilità di salvarlo quando si desidera. Si è infatti obbligati a salvarlo solo alla fine della giornata di gioco, quando il protagonista andrà a dormire. Peccato che la giornata di gioco non sia proprio cortissima e non ci sia la possibilità di accelerare il tempo.

Venendo invece alle note positive, “Epic Chef” è tradotto in italiano e ha un comparto grafico e sonoro davvero simpatico, oltre che una trama piuttosto coinvolgente, ricca di missioni e cose da fare (ma ricordate sempre che non è un gioco “open world”) e aspetti di simulazione interessanti e insoliti.

E’ disponibile, dall’11 novembre per pc (scaricandolo su Steam al seguente link: https://store.steampowered.com/app/1312960/Epic_Chef), PS4, Xbox One e Nintendo Switch e per poter essere aggiornati sul gioco potete visitare anche il suo sito ufficiale: www.visitambrosia.com.

Per poter essere giocato su pc è necessario un sistema operativo Windows 10; 6 GB di memoria RAM; una scheda video di fascia medio alta e 3 GB di spazio libero su disco fisso.

Luca Bagatin

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome