Videogame. “Potion Craft: Alchemist Simulator”, come diventare alchimisti medievali

0
328

Il Medioevo, oltre a essere stata epoca di dame, cavalieri, re e regine, fu anche l’epoca degli alchimisti.

Ovvero dei precursori della scienza moderna, ma considerati potenti maghi, custodi di saperi occulti, esoterici e filosofici. “Potion Craft: Alchemist Simulator”, nuovissimo videogame per pc, sviluppato da NicePlay Games (http://niceplay-games.com) e editato da Tiny Build (https://www.tinybuild.com), ci permette di vestire proprio i panni di un alchimista. Dalla grafica semplice, ma elegante e decisamente in stile medievale, “Potion Craft” ci introduce, attraverso un semplice ma coinvolgente tutorial, nei rudimenti dell’antica arte alchemica.

Ci troviamo nel nostro laboratorio e qui, con alcuni ingredienti (piante, funghi ecc…), avremo la possibilità di creare le nostre pozioni.

Inizialmente sarà appunto il tutorial a guidarci e a indicarci gli ingradienti corretti, le quantità corrette e i passaggi da compiere al fine di ottenere la nostra pozione. Inizieremo con pozioni semplici, come ad esempio una pozione di guarigione.

Mescoleremo direttamente gli ingredienti nel calderone, oppure li pesteremo con il mortaio e successivamente li mescoleremo nel calderone, infine lo scalderemo e otterremo, così, la nostra posizione !

Una volta ottenuta la pozione potremo salvarne la ricetta nel ricettario, in modo così da produrla più in fretta e direttamente con un semplice “click” sul ricettario, alla pagina della ricetta in questione.

Lo scopo è quello di vendere le pozioni ai numerosi clienti che, di giorni in giorno, affolleranno la nostra bottega.

Ma attenzione, per ottenere pozioni occorrerà curare il nostro giardino e, ogni giorno, ricavarne le risorse naturali adatte: piante, foglie, funghi, frutti, bacche, radici…potremo ad ogni modo persino acquistare tutto ciò direttamente da mercanti o alchimisti che verranno a farci visita, assieme a minerali e potenziamenti alchemici !

Per ottenere pozioni occorrerà, in particolare, addentrarsi, sperimentanto gli elementi, nella misteriora mappa alchemica. Seguendo – letteralmente – insondati percorsi che ci porteranno alla scoperta di nuove pozioni: veleni, pozioni della luce, pozioni del ghiaccio, pozioni del fuoco, filtri d’amore e moltissime altre che ci verranno richieste dai sempre più esigenti clienti, che di volta in volta saranno contadini, cavalieri, dame oppure persino maghi e streghe !

Se riusciremo a soddisfarli, potremo contrattare con loro il prezzo della merce (sempre se ci riusciremo !) e aumenteremo il nostro livello di popolarità. Ma, se non avremo pozioni disponibili, la nostra popolarità crollerà e potremmo ritrovarci senza clienti.

Con il danaro che ricaverai dalla vendita delle pozioni, potrai acquistare nuovi ingredienti, oppure potenziamenti utili alla tua attività di alchimista.

Man mano che scoprirai nuove pozioni e aumenterai le vendite, aumenterai di conseguenza di livello e tali puntipotranno servirti per migliorare il raggio di visibilità della mappa alchemica, oppure per migliorare la tua pratica alchemica, oppure ancora per migliorare le tue abilità nel commercio e nella contrattazione con i clienti !

“Potion Craft: Alchemist Simulator”, completamente tradotto in italiano, è un videogioco di simulazione sandbox in accesso anticipato, con numerosi obiettivi da raggiungere e presenta sin da ora grandissime potenzialità e originalità.

La grafica, ispirata a libri e manoscritti alchemici di epoca medievale, come dicevamo, rispecchia appieno il periodo e l’iconografia storica e così il comparto sonoro.

Per poter essere giocato è sufficiente un pc di fascia media con un sistema operativo da Windows 7 in su; 4 GB di RAM e 2 GB di spazio libero su disco fisso.

E’ acquistabile su Steam al seguente link: Save 10% on Potion Craft: Alchemist Simulator on Steam

Luca Bagatin

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome