Lavoropiù coinvolge 4 aziende dell’Emilia per il reinserimento lavorativo di donne disoccupate

0
163

Iniziano il 15 maggio 2022 i laboratori gratuiti ideati dall’agenzia per il lavoro Lavoropiù per riqualificare le donne disoccupate e aiutarle a trovare nuove opportunità professionali.

I laboratori, che durano cinque giorni, si svolgeranno in Emilia Romagna, tra Modena, Reggio Emilia e Parma, dopo aver toccato Piemonte, Veneto, Toscana e Lazio. Insieme ai formatori Lavoropiù, parteciperanno ai corsi anche quattro aziende del territorio (Gps, Grafos Steel Group, Nidec Fir International e Transfer Oil), con l’obiettivo di integrare la formazione teorica con esperienze concrete e di individuare possibili candidate all’assunzione.

“Il progetto di orientamento al lavoro per le donne disoccupate è nato nel 2020 in risposta al drammatico aumento di donne inattive seguito alla pandemia e i risultati incoraggianti ci hanno spinto a proseguire su questa strada”, spiega Giulia Forni, Project Manager di Lavoropiù: “finora hanno partecipato ai nostri laboratori 81 donne e 60 di loro, pari al 74%, sono riuscite a trovare un’occupazione, in alcuni casi anche presso le nostre sedi”.

Per partecipare (progettodonne@lavoropiu.it) non ci sono limiti di età o requisiti particolari: il corso si rivolge sia alle giovani donne in condizione Neet, che quindi non lavorano, non studiano e non frequentano corsi di formazione (da cui il nome del progetto originale: “Nice2NeetHer”), sia a chi è in cerca di prima occupazione o ha interrotto o perso il lavoro.

I laboratori spiegano come funziona il mondo del lavoro e le agenzie di collocamento e guidano le partecipanti nella preparazione del curriculum vitae e della lettera di presentazione, nelle tecniche di ricerca attiva del lavoro, la gestione dei colloqui di assunzione e l’analisi delle ricerche aperte e potenzialmente interessanti in funzione del profilo personale di ciascuna partecipante. Al termine, è previsto un colloquio motivazionale con un selezionatore di Lavoropiù, per certificare le competenze acquisite, orientare le candidate nella ricerca del lavoro nell’area di riferimento e individuare possibili opportunità aperte presso le aziende locali. Le imprese che partecipano ai laboratori potranno presentare la loro realtà e le ricerche di personale in corso.

I laboratori Lavoropiù sono anche l’occasione per mettere in relazione le realtà del territorio e le istituzioni, raccogliere e condividere i dati sull’occupazione e ridurre il gender-gap, attraverso attività di sensibilizzazione sul tema dell’inattività femminile. Al proprio interno, Lavoropiù persegue una politica del lavoro inclusiva e le donne rappresentano l’80% dell’organico complessivo.

 

Lavoropiù è un’agenzia per il lavoro nata nel 1997, che offre i servizi di somministrazione di lavoro a tempo determinato e indeterminato, ricerca e selezione di personale qualificato, politiche attive del lavoro, formazione e outplacement. La società ha sede a Bologna e opera in tutta Italia con oltre 80 sedi e 500 dipendenti. Con un core business nel settore manifatturiero e un forte posizionamento rispetto ai temi dell’inclusione sociale e lavorativa, Lavoropiù ha chiuso il 2021 con un fatturato di oltre 140 milioni di euro e 72 mila avviamenti al lavoro nell’industria, nei servizi e in agricoltura.

A maggio 2021, Lavoropiù è entrata a far parte del network Elite di Intesa San Paolo, la piattaforma internazionale di Euronext che si propone di accelerare la crescita delle Pmi italiane più innovative.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome