Impresa libera, forte, solidale

0
586

di Lucia Pignatelli

Fare impresa oggi presuppone peculiarità che ieri si liquidavano con la nonchalance data dai numeri che non ammettevano quasi più variabili umane. Alla luce della crisi attuale e delle sue cause, è necessario ristabilire il primato del lavoro e della imprenditorialità rispetto alla finanza speculativa. Le condizioni del mercato impongono l’ottica del conservare per resistere. Eppure, mai è stato così fondamentale dare una sbirciatina ottimista al futuro con un indispensabile sentimento che si chiama speranza. Oggi si riparla di valori dimenticati quali la solidarietà.

Ma come fare a declinare insieme sviluppo, efficienza e solidarietà? Secondo me le chiavi di lettura consistono in un nuovo senso di responsabilità che dovrebbe investire, come pioggia benefica, ogni settore del “convivere civile”. Questo va applicato ad ogni campo e l’impresa, come naturalmente la politica, non può che esserne simbolo. La piaga dei licenziamenti vede il proliferare di situazioni drammatiche e la ricetta in alcuni casi è stata la grande solidarietà dei lavoratori che hanno preferito vedersi ridurre gli stipendi con una scelta che coinvolgeva tutti concordemente per salvare il posto di lavoro dei colleghi.

L’Italia non è costituita solo da fannulloni, ma anche da una schiera di eroi silenziosi a cui andrebbe rivolta l’attenzione del mondo dell’imprenditoria e della politica. L’impresa, centro promotore di lavoro, la sua efficienza, la sua sopravvivenza sul mercato e i lavoratori chiamati ad esserne protagonisti, sono aspetti convergenti ed indissolubili uno dagli altri. È responsabilità precisa dell’imprenditore comportarsi di conseguenza e sottoporre in primo luogo se stesso al fondamentale compito di non dimenticare questa interdipendenza. Penso che l’ottica della responsabilità e della partecipazione di tutte le parti sociali intorno a valori condivisi, premi chi la applica.

Si tratta, dunque, di investire finalmente sui valori e su scelte positive e sostenibili. Occorre affrontare il mondo della produttività. Non si può prescindere più dalla persona e dai suoi valori . Quando si consegue questo, con tutto il massimo dell’impegno possibile, la realtà dei “liberi e forti” è a portata di mano. Spero che altri amici vogliano continuare a parlare di questo argomento, segnalando e raccontando di realtà aziendali che hanno già fatto scelte di questo tipo. Una nuova cultura economica ci tende la mano: non perdiamo l’occasione di comprenderne i significati e le infinite possibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome