Reporters sans frontières: nel 2014 uccisi 66 giornalisti

0
477

Diffuso il rapporto sugli abusi subiti dai giornalisti nel mondo. Il paese più pericoloso per i giornalisti è stato la Siria.

 

Reporters sans frontières (RSF) Ha diffuso il rapporto delle violenze sugli operatori dell’informazione. Nel suo bilancio annuale  l’ong riporta che nel 2014, 66 giornalisti sono stati uccisi mentre svolgevano il loro lavoro. Il rapporto precisa che alla cifra delle vittime vanno aggiunti 11 collaboratori dei media e 19 ‘citizen journalists’. Il Paese in cui sono avvenute più uccisioni è la Siria, con 15 morti, seguita da territori palestinesi (7), Ucraina (6), Iraq e Libia (4 ciascuno).

– Nel 2014 sono stati uccisi 66 giornalisti in tutto il mondo, meno dell’anno precedente. Il paese più pericoloso è stata la Siria dove sono morti 15 reporter, durante il conflitto nella Striscia di Gaza ne sono morti 7.

– I posti più pericolosi per esercitare la professione sono stati Siria, Palestina, Ucraina, Iraq, Libia.

– Negli ultimi dieci anni i giornalisti uccisi mentre esercitavano la loro professione sono stati 720.

– I rapiti quest’anno sono 119, il 35 per cento in più del 2013. Quaranta giornalisti sono attualmente nelle mani di rapitori.

– I giornalisti in prigione sono 178, quelli costretti a lasciare il loro paese per le minacce ricevute sono 139, quelli che sono stati arrestati 853.

– I giornalisti che hanno ricevuto minacce sono 1.846.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome