Condannato Silvio Berlusconi anche in appello

0
659

Di Monica Gasbarri

Confermata anche in appello la condanna a 4 anni per Silvio Berlusconi e l’interdizione dai pubblici uffici. giudici della seconda Corte d’Appello di Milano hanno quindi ufficializzato la sentenza per il Cavaliere imputato nell’ambito del processo per la compravendita dei diritti tv Mediaset. Assolto invece Fedele Confalonieri allora Presidente di Mediaset.

Il verdetto era atteso per la giornata di oggi, ma è ritardato rispetto all’ora indicata in un primo momento. Soltanto oggi era stata respinta la richiesta di sospensione del processo avanzata dai legali dell’ex premier che attendono la risposta della Corte di Cassazione in merito al conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato in relazione a un legittimo impedimento sollevato dalla Presidenza del Consiglio.

Anche per la corte d’appello di Milano dunque, nessuno sconto per il Cavaliere, colpevole di una frode fiscale del valore complessivo di 7 milioni di euro, risalente al biennio 2002-2003, quando avrebbe gonfiato i prezzi dei diritti televisivi e cinematografici che erano stati acquisiti da Mediaset presso imprese statinitensi, costituendo fondi neri esteri.

La sentenza, che arriva dopo dieci anni di indagini e due processi lunghissimi, era per altro ampiamente attesa dai giudici difensori: “La forza della prevenzione è andata al di là della forza dei fatti” ha commentato l’avvocato Niccolò Ghedini. “Avevamo la consapevolezza che sarebbe andata così”, ha aggiunto.

Fonte: ClandestinoWeb

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome