Il Cloud e lo Stato dell’Arte nelle grandi aziende

Le grandi aziende hanno necessità del Cloud per i dati da stoccare e i sistemi da creare.

0
97

Le organizzazioni di oggi si trovano a un bivio con la loro strategia di cloud computing e i loro investimenti in infrastrutture e strumenti cloud. Devono continuare con la loro architettura attuale o è il momento giusto per adottare un approccio diverso che soddisfi meglio le loro esigenze e quelle dei loro clienti? Sempre più spesso, le aziende scelgono di passare a un approccio distribuito e più aperto al cloud, passando da un approccio incentrato sulla piattaforma a uno cloud-native.

Nel recente webinar State of Cloud 2024, due clienti di Akamai si sono uniti in un’ampia discussione, che ha incluso il dibattito sui driver, i vantaggi e le sfide del passaggio a un modello di cloud computing più distribuito. In altre parole, un modello che decentralizza le risorse e i servizi cloud in modo che siano fisicamente più vicini all’origine dati o all’utente, pur essendo gestiti centralmente. I due ospiti erano Mike Kasprzak, il co-fondatore di Ludum Dare, e Dolo Miah, CTO di Linebreak. Ludum Dare è riconosciuto come il più grande evento di game jam online al mondo, con ogni evento del fine settimana che si traduce in migliaia di giochi nuovi di zecca creati da professionisti del gioco e hobbisti. Linebreak è un fornitore globale di soluzioni edge-first che sblocca l’efficienza per le aziende nell’era post-digitale attraverso l’architettura, le soluzioni e l’ingegneria.

Nel corso della conversazione, hanno discusso dei diversi modelli di cloud computing e di come le organizzazioni li utilizzano. “Le nazioni sono preoccupate per la sovranità dei dati e comprendono il valore dei dati come risorsa”. “Se sei un’azienda globale, la governance e la conformità dei dati sono assolutamente un punto di pressione a cui stai pensando”.
Le organizzazioni sono ansiose di non spostare i dati al di fuori delle zone legislative se non ne hanno bisogno.

Le organizzazioni che stanno adottando rapidamente un approccio cloud distribuito sono quelle che operano in settori che hanno urgenti esigenze di bassa latenza, come i giochi, i media e la vendita al dettaglio, con considerazioni sulla larghezza di banda elevata, in cui non vogliono necessariamente spostare grandi quantità di dati su un server centralizzato e vogliono essere in grado di agire su tali dati dove vengono raccolti. L’inferenza dell’intelligenza artificiale è un buon esempio intersettoriale di una tecnologia in grado di offrire il massimo valore quando è il più vicino possibile ai clienti.

La quantità di dati generati è enorme. Non è economicamente fattibile per le organizzazioni cercare di trasmettere tutti quei dati a un cloud centralizzato, poiché pagheranno per l’archiviazione dei dati, nonché per la larghezza di banda in entrata e in uscita. Le imprese devono diventare più efficienti ed etiche con le risorse di cui dispongono. Devono evitare di introdurre costi e sprechi inutili, nonché di aprire potenzialmente una superficie di attacco più ampia.

Man mano che le nuove tecnologie e le loro alternative open source maturano e diventano disponibili, le organizzazioni vogliono e hanno bisogno della libertà di trarre vantaggio da tali opzioni. Tuttavia, se sono cablati nell’architettura e nei servizi gestiti di un particolare provider di servizi cloud, potrebbero trovare molto più difficile sbloccare quel lock-in e muoversi facilmente. Per molte aziende, la prima fase del loro viaggio verso il cloud è stata quella di investire e adottare un cloud centralizzato. Ora si stanno spostando verso un’infrastruttura distribuita, con l’obiettivo futuro di condurre più elaborazione all’edge, portando efficacemente il cloud all’edge.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome