Incontro fra Cuba, Argentina, Brasile e Venezuela nel segno dell’integrazione, giustizia e fratellanza

0
999

Martedì 24 gennaio scorso, il Presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel, ha incontrato, a Buenos Aires il Presidente argentino Alberto Fernández e quello brasiliano Lula da Silva, nell’ambito del 7° Vertice della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC).

Il Presidente Díaz-Canel, relativamente a tale incontro ha twittato: “In questo affettuoso incontro, abbiamo ribadito la gioia per il ritorno del Brasile nella CELAC e condiviso la volontà di rafforzare le relazioni bilaterali, coerenti con gli storici legami di amicizia tra i nostri popoli”.

Sempre su Twitter, il suo omologo argentino ha ribadito “l’obiettivo comune di approfondire il legame tra i nostri Paesi e l’integrazione in tutta l’America Latina e nei Caraibi”.

Riferendosi anche alle sanzioni statunitensi contro Cuba e il Venezuala, il Presidente brasiliano Lula da Silva ha chiesto di “rispettare l’autodeterminazione dei popoli, evitando di imporre sanzioni, minacce o offese personali”.

Nel suo viaggio di ritorno, Díaz-Canel, ha visitato il Venezuela ed è stato ricevuto dal suo omologo, Nicolas Maduro.

Come riportato da “Prensa Latina”, nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato anche – per parte cubana – il Ministro degli Esteri Bruno Rodríguez, il Ministro del Commercio Estero e degli Investimenti Esteri, Rodrigo Malmierca e l’Ambasciatore dell’Avana a Caracas, Dagoberto Rodríguez, i due leader socialisti hanno riaffermato il loro impegno nel difendere “un mondo di pace e cooperazione, in favore della solidarietà internazionale”.

Il Presidente Maduro ha definito l’incontro “piacevole e produttivo” e, nel corso dello stesso, si sono analizzare le lotte dei popoli latinoamericani e dei Caraibi – nel segno degli eroi del XIX secolo, cubani e venezuelani, José Martì e Simon Bolivar – al fine di rafforzare i legami storici e rivoluzionari che uniscono tali popoli.

I leader cubano e venezuelano hanno, in particolare, sottolineato come le terre di Martì e di Bolivar siano sempre state unite da grandi sogni di “integrazione, giustizia e umanità”.

Sono state inoltre riaffermate le relazioni bilaterali di fratellanza fra Cuba e Venezuela – intraprese negli Anni 2000 da Fidel Castro e Hugo Chavez – promuovendo il processo che possa portare a una definitiva integrazione dell’America Latina e dei Caraibi, contro ogni sanzione statunitense e riaffermando i principi di autodeterminazione, sovranità, indipendenza e giustizia sociale, atti a promuovere valori di fratellanza, solidarietà e umanesimo.

Luca Bagatin

www.amoreeliberta.blogspot.it

SHARE
precedenteTAOBUK FESTIVAL – SEE SICILY
successivoWerner Bischof Unseen Colour
Nato a Roma nel 1979, è blogger dal 2004 (www.amoreeliberta.blogspot.it). Dal 2000 collabora e ha collaborato con diverse riviste di cultura risorgimentale, esoterica e socialista, oltre che con numerose testate giornalistiche nazionali, fra le quali L'Opinione delle Libertà, La Voce Repubblicana, L'Ideologia Socialista, La Giustizia, Critica Sociale, Olnews, Electomagazine, Liberalcafé. Suoi articoli sono e sono stati tradotti e apprezzati in Francia, Belgio, Serbia e Brasile. Ha pubblicato i saggi "Universo Massonico" (2012); "Ritratti di Donna (2014); "Amore e Libertà - Manifesto per la Civiltà dell'Amore" (2019); "L'Altra Russia di Eduard Limonov - I giovani proletari del nazionalbolscevismo" (2022) e "Ritratti del Socialismo" (2023)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome