I neofascisti ucraini protagonisti di Euromaidan nel 2014

0
567
“Tra le forze nazionaliste ucraine, i cui orientamenti politici non sono propriamente filo-europeisti e democratici, il gruppo più autorevole e numeroso è sicuramente Settore Destro (SD), Pravdy Sector, una formazione neofascista tripartita anti-russa nata all’inizio delle rivolte di Euromaidan e composta da Patrioti Ucraini (PU, ala militare del movimento Assemblea Nazionalsocialista dell’Ucraina), da Organizzazione Pan-Ucraina Tridente di Stepan Bandera (Tr) e da Assemblea Nazionale Ucraina – Autodifesa del Popolo Ucraino (ANU-APU).
(…)
Appare evidente come tali esperienze sul campo di battaglia abbiano garantito ai miliziani di ANU-APU l’acquisizione di elevate capacità paramilitari e militari. A testimoniare l’entità di queste ultime e la loro funzionalità nel caotico panorama politico ucraino vi sono innanzitutto i fatti di Euromaidan, quando le milizie di SD hanno fronteggiato con successo le migliori unità anti-sommossa della Polizia, i famigerati Berkut, organizzando la difesa dei manifestanti in piazza e la successiva presa dei palazzi istituzionali. Settore Destro dispone in diverse zone dell’Ucraina di una rete di campi di addestramento, ufficialmente una sorta di rete di campi “estivi” che in qualche misura ricorda i campi organizzati dalle formazioni giovanili di destra radicale negli settanta anche in Italia, per l”erudizione” in senso militare dei militanti.  Un classico dei partiti di estrema destra europei che alla struttura di partito hanno sempre affiancato la milizia e la formazione paramilitare. Settore Destro è stato anche il protagonista a colpi di bombe molotov al Palazzo dei Sindacati di Odessa, occupato dai filorussi, in cui sono morte bruciate vive 48 persone”.
Rivista Italiana Difesa
Continua su

https://www.rid.it/shownews/174

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome