COVID e vaccini nel mondo

0
123

Il primo vaccino COVID al mondo, consegnato dall’infermiera May Parsons, è andato a una Margaret Keenan di 91 anni presso l’University Hospital Coventry in Inghilterra, l’8 dicembre 2020. Questo è stato 331 giorni dopo la prima pubblicazione della sequenza del DNA del coronavirus. Con altri 589 giorni trascorsi dal primo scatto della signora Keenan, a che punto siamo?

Secondo il Centro informazioni sul coronavirus della Johns Hopkins University, gli operatori sanitari come la signora Parsons hanno somministrato 11,84 miliardi di vaccini in tutto il mondo. Questo ha “completamente vaccinato” 4,84 miliardi di persone, o il 61% della popolazione mondiale. (“Completamente vaccinato” secondo la definizione di JHU: due colpi di mRNA o un colpo di Johnson e Johnson.) Uno studio del mese scorso condotto dalla rivista medica britannica The Lancet calcola che queste vaccinazioni hanno ridotto i decessi covid-19 in tutto il mondo di un intervallo da 14,4 milioni a 19,8 milioni, nel contesto di un’epidemia di 565 milioni di casi noti e 6,4 milioni di decessi noti. Ogni giorno il totale aumenta un po ‘, poiché i fornitori amministrano circa 9 milioni di scatti in più. Questo è un risultato notevole, persino sbalorditivo, della scienza del governo e del settore privato, della produzione e della logistica transnazionali e della consegna dei fornitori di servizi sanitari. Ma rimane un risultato con lacune; e questi possono diventare più importanti man mano che emergono nuove varianti e l’immunità conferita attraverso la vaccinazione precoce svanisce.

Un divario è quello del reddito. Le persone nei paesi ricchi e nei paesi a reddito medio-alto hanno un po ‘più probabilità di essere vaccinate rispetto alle persone nei paesi a reddito medio-basso, e i paesi a basso reddito sono molto indietro rispetto a entrambi. I paesi a basso reddito sembrano anche essere relativamente più dipendenti dai vaccini prodotti in Cina e in Russia che offrono livelli di protezione inferiori rispetto ai vaccini statunitensi / europei. Ci sono anche alcune lacune per regione: i tassi di vaccinazione appaiono relativamente alti in Sud America, Asia orientale, ASEAN, Isole del Pacifico ed Europa occidentale, e relativamente bassi in Europa meridionale e orientale, Medio Oriente, Caraibi, Asia meridionale e Africa. Questi modelli generali hanno molte eccezioni – i paesi asiatici a basso reddito tra cui Cambogia e Bhutan sono in cima alle tabelle dei tassi di vaccinazione, per esempio – e alcuni paesi in circostanze molto simili riportano risultati molto diversi. Come caso estremo, il tasso di vaccinazione più basso a livello mondiale nella tabella di JHU è lo 0,1% della popolazione del Burundi (13.800 su 12 milioni di persone); il Ruanda della porta accanto è al 65%, essenzialmente lo stesso degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti in un certo senso rispecchiano il modello internazionale, con tassi di vaccinazione per stato che variano ampiamente e modestamente correlati con i livelli di reddito mediano dello stato, le divisioni politiche e la geografia più ampia. Il New England, dove i tassi di vaccinazione sono compresi tra il 75% e l’84%, è paragonabile ai tassi in Giappone, Francia e Australia, e preso come una regione distinta sarebbe vicino alla cima dello spettro ad alto reddito. D.C., Hawaii, Porto Rico, New York e New Jersey sono anche nella top ten. Il gruppo “meno vaccinato” comprende il Wyoming e una serie di stati del profondo Sud; qui, i tassi sono nell’intervallo 51% -55% e alla pari con i paesi a reddito medio-basso come tagikistan, Bolivia e Honduras (e la Russia a reddito medio-alto). Le spiegazioni per i tassi di vaccinazione relativamente alti degli stati degli Stati Uniti possono includere una minore “esitazione vaccinale” pubblica, una forte sensibilizzazione da parte dei governi statali, alti rapporti tra fornitori di servizi sanitari e popolazione e bassi livelli di persone non assicurate. Spiegazioni per tassi più bassi, il contrario.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome