Latina, arrestato imprenditore colluso con la camorra

0
213
Confermata dalla Corte di Appello di Roma la confisca dei beni per un valore di oltre 22 milioni di euro nei confronti dell’imprenditore Vincenzo Zangrillo, vicino al clan dei casalesi.
A marzo 2018, il Tribunale di Latina, aveva già confiscato il suo patrimonio nelle province di Latina, Frosinone, Napoli e Isernia,  provvedendo a sottoporlo a sorveglianza speciale di P.S. per tre anni.
Zangrillo, un carrozziere, si era improvvisamente affermato come imprenditore in diverse attività commerciali e in numerose società operanti nei settori del commercio all’ingrosso, dello smaltimento di rifiuti, della locazione immobiliare e del commercio di autovetture.
Le indagini effettuate dalla  DIA hanno accertato notevoli difformità tra il patrimonio individuale e i redditi dichiarati al fisco, di gran lunga inferiori alle condizioni economiche dell’imprenditore.
Tra le attività illecite portate avanti dal Zangrillo, spiccano il traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di rifiuti illeciti, l’associazione a delinquere, il riciclaggio e il traffico internazionale di autoveicoli.
Tra i beni confiscati, 200 mezzi autoarticolati, autovetture, motocicli e furgoni.
Oltre 150 immobili, 21 ettari di terreni dislocati tra Latina e Frosinone, 6 società, 21 conti correnti e rapporti bancari per un ammontare complessivo di oltre 22 milioni di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome