Capezzone: “Parisi scaricato, servono primarie per il Centro destra”

0
843

Lo scorso weekend ci aveva offerto la piazza fiorentina della Lega, una contromanifestazione di Stefano Parisi a Padova, un ribaltone di marca forzista ai danni del sindaco leghista sempre a Padova, e un’intervista molto “centrista” di Berlusconi al Corriere della Sera. Parisi sembrava così sicuro dell’imminente designazione a suo favore da dichiarare contro le primarie. Sono passate appena 72 ore, e ieri il Cav lo ha brutalmente messo nelle condizioni di un gatto su un’autostrada (la gattina Giuditta mi perdonerà quest’immagine truculenta).

Ma, se alziamo la testa e lasciamo per un momento il contingente, siamo dinanzi a un paradosso. Da qui al 2018, o anche da qui a metà 2017, molto “complotterebbe” per una possibile vittoria del centrodestra alle prossime elezioni politiche: il fallimento dell’esperienza Renzi, e il naufragio grillino a Roma. Il primo ha già avuto la sua occasione, e l’ha gettata al vento; i secondi sono stati (e sono tuttora) bravissimi a intercettare lo “spirito del vaffa”, ma sono incompetenti rispetto a una vera prova di governo.

Ergo, al centrodestra non servirebbe molto per mettersi in partita. E la componente più importante c’è già: un elettorato potenzialmente maggioritario in quasi tutte le aree territoriali del paese.

Ora, anziché procedere con logomachie e batracomiomachie, c’è una opzione semplice, chiara, classica, che può aiutare il centrodestra a rinnovarsi, a conquistare una vera unità, e a rendersi competitivo in ogni senso: le elezioni primarie.

I vantaggi sono chiarissimi (in particolare nella versione “americana”, a tappe, che consentirebbe di occupare un paio di mesi con una corsa regione per regione):

  1. dirimere in modo limpido e democratico la questione della leadership;
  2. occupare i media per mesi con un’agenda di centrodestra, anziché rincorrere quella degli avversari;
  3. attivare una vera gara di idee su tutto, tra soluzioni liberali e soluzioni non liberali.

Occorre invece:

  1. Evitare compromissioni in governicchi postreferendari, o comunque dare un tempo, una scadenza ufficiale e predefinita all’esecutivo post 4 dicembre;
  2. Adottare lo schema delle primarie;
  3. Evitare come la peste leggine elettorali proporzionali, funzionali al frazionamento del centrodestra e a nuovi Nazareni concepiti alle spalle degli elettori.

Non è difficile. Basta capirlo, e poi volerlo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome