Vi è solo una sola, comune umanita’!

0
598

di Sandro Venturoli

Molti apprezzano (ed é trasversale) la risposta di Napolitano al Decreto Sicurezza con l’invito al Parlamento di correggere i punti in cui esso è in contraddizione con la Costituzione e con i diritti Universali dell’Uomo (aggiungo io). Viene definita “rispetto per il Parlamento e le sue prerogative”. Ed è così Il Presidente ha rispettato le funzioni dell’Organo Elettivo e la sua legittimità e dovere a legiferare. Viene addirittura ricordato nella lettera l’importanza e il valore che ha l’approvazione a larga maggioranza (pur con il voto blindato e la rimozione dell’opposizione).

Sarà anche irrilevante ma io sono sgomento. La legge approvata scardina principi etici fondamentali come quelli sottesi negli articolo 2 e 3 della Costituzione senza introdurre vere politiche inclusive nel nostro Paese come l’immigrazione chiede e necessita. Un operazione simile a quella fatta con i minori Rom di cui ancora nessuno ci ha raccontato quali sono gli esiti sociali e i risultati di integrazione. Certo questi Governanti sono più patetici che feroci. Anche per la ferocia necessita uno spessore che questi signori non posseggono. Ci sono principi sui quali piegarsi apre varchi i cui esiti nessuno può conoscere. Napolitano è appunto garante della Costituzione e dei valori su cui essa si fonda. Il Parlamento e la sua maggioranza hanno abusato delle loro funzioni e questo il Presidente avrebbe dovuto dire loro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome