Dopo 70 anni

0
534

«Questa riforma è attesa da 70 anni!». Posto che siamo nell’anno 2015, se ne deduce che nel 1945 i nostri nonni ed i nostri genitori avessero una questione fondamentale che li travagliava: riuscire a trovare un assetto istituzionale che li salvasse dalla trappola del bicameralismo paritario. Certo, c’erano anche problemi minori: i guasti di una dittatura ventennale, una guerra rovinosamente persa, centinaia di migliaia di caduti e di dispersi, un Paese economicamente in ginocchio ed in gran parte da ricostruire.

Purtroppo, un’Assemblea Costituente non all’altezza dei tempi, nella quale sedevano De Gasperi e Togliatti, Nenni e Saragat, Croce ed Einaudi, Sforza e Calamandrei, tradì le attese popolari e approvò una Costituzione in cui il Senato partecipava al procedimento legislativo, con le medesime attribuzioni e competenze della Camera dei Deputati.

Oggi il livello della classe politica che siede in Parlamento si è finalmente elevato: abbiamo Boschi, Calderoli e Finocchiaro. Soprattutto c’è lui, Renzi, il Presidente del Consiglio che realizza quanto gli Italiani veramente volevano quando elessero l’Assemblea Costituente, il 2 giugno del 1946.

Questa ricostruzione creativa della Storia patria dovrebbe essere prontamente segnalata dal Ministro competente alle autorità scolastiche perché se ne tenga conto nella didattica della buona scuola.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome