Cacciari e l’ortodossia

0
649

di Piero Sampiero

Ritanna Armeni, miracolosamente scampata al genocidio perpetrato dai giovani turchi della 7, capeggiati dalla bionda all’arancia Lilli Gruber, ha trovato asilo politico presso la Rai.

In quella sede ha subito messo a segno un intervista, manco a dirlo, sul tentativo di colpo di stato contro Napolitano da parte del premier sul caso Englaro, con il tenebroso sindaco di Venezia, il filosofo Massimo Cacciari, definendolo con le parole del Presidente della Regione Veneto, il leghista Galan, nientemeno che “un eretico”.

L’autorevole maitre à penser della sinistra post-marxista non ha battuto ciglio e sembrava, anzi, molto lusingato dall’appellativo mentre si accingeva a dare il suo responso sul testamento biologico, oggetto del disegno di legge governativo, da oggi all’esame del parlamento.

Pur apprezzando le parole del politologo liberale, il Prof. Angelo Panebianco, il quale dalle pagine del “Corsera”, invitava a considerare argomenti tanto delicati come esclusivi della sfera privata, ribadiva che l’etica non è sufficiente a disciplinare un tema così profondo, occorrendo invece un prodigioso intervento della politica per i riflessi sociali che la scelta di un determinato sistema normativo produce tra la gente e presso il popolo, oltre che in ciascun cittadino.

Ora, a parte la lapalissiana dichiarazione d’intenti iniziale, buona per tutti gli usi, anche il resto delle argomentazioni, svolte dal’illustre primo cittadino lagunare, non sono apparse come uno “strappo”, rispetto alle consuete prese di posizione ideologiche dell’opposizione dell’attuale governo.

Ed allora viene spontanea la domanda: il bieco Galan e la pasionaria di “Liberazione”dove hanno intravisto l’eresia del gattone-pensante, in eterno oscillare tra moderatismo e rivoluzione, mentre rimugina, tra una leccatina ai baffi e l’altra, la risposta ai problemi del mondo?

Nelle uscite pubbliche, e sono ormai innumerevoli, non si è mai notato nulla di diverso dall’ortodossia della grande chiesa post -comunista.

Cacciari va bene così a tutta la sinistra, che non vede l’ora di toccargli sandali e saio, essendo l’unico a dimostrare di avere un po’ d’idee e sale in zucca, quando parla delle strategie della sua parte politica.

Anche se profumata da gigli, la strada che indica non è eretica per nulla, tutto sommato è dentro la tradizione del novecento. Al presente per essere un Giordano Bruno dovrebbe allearsi, lui laico e ateo, con Benedetto XVI, come ha già fatto da tempo l’ateo devolto Giuliano Ferrara, il quale infatti rischia di finire sul rogo con il suo sodale Pietrangelo Buttafuoco, altro personaggio da demonizzare e mandare in esilio per aver denunciato la perdita del sacro nel suo ultimo libro “Cabaret Voltaire”.

E allora perché gratificare Massimo Cacciari di qualità superiori a quelle che possiede?

Per essere “eresiarchi” non bastano le parole di qualche collega o qualche fan o qualche ammiratrice in platea o alla raitv.
Ci vuole ben altro.

Andatelo a chiederlo al povero Socrate.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome