TFF 2017: “Uleve” (Orizzonti Vicini)

0
854

Il fatto è che si può pensare benissimo di vivere senza “qualcosa”, ridimensionando il proprio cosciente a se stessi e all’immensità intorno a noi, così come si può vivere senza wi-fi, senza musica oppure senza una squadra di calcio. Ma cosa succede se – invece – si prova a vivere “con” qualcosa di differente dal solito, fortemente motivazionale e comunitario? E’ quello che racconta “Uleve” la storia della squadra di calcio del F.C.Lusern che – per molti – non esiste, non esisteva e non esisterà.

Come si diceva sopra: si può benissimo pensare di vivere senza “qualcosa” magari solo perché non si sa che quel qualcosa esiste davvero. F.C. Lusern è una squadra giovanile di calcio, una piccola “nazionale” delle regioni europee, delle minoranze linguistiche. Essa ha un suo inno in una sua lingua, ha una sua collocazione geografica: l’Altipiano Cimbro di Luserna. I giocatori che fanno parte di questa squadra sono per lo più di origini cimbre, il bacino di utenza non è molto grande, per cui tutti i ragazzi sportivi che sono stati motivati a partecipare si allenano – con risultati sportivamente simpatici – per la loro F.C. Lusern.

In Europa esiste un campionato: l’Europeada, che – anch’essa – appartiene a quel “qualcosa” che esiste anche se non tutti sanno che esiste.

Europeada è la competizione calcistica dedicata alle squadre di calcio delle minoranze linguistiche, cioè quei gruppi di persone che godono di diritti precisi, perché culturalmente diversi (storicamente cresciuti in luoghi isolati o distanti dalle città) riconosciuti in Europa, l’Europa dei popoli, si intende, quella delle diversità e delle culture. Diverse seppure d’Europa.

Il Film “Uleve” è stato ideato e girato da 4 registi trentini/locali: Alberto Ferrari, Alberto Scorsin, Stefano Masotto e Diego Piva. Essi lavorano prevalentemente su materiali del Trentino Alto Adige e per questo hanno presentato il loro ultimo lavoro ad “Orizzonti Vicini” la sezione dedicata alle pellicole prodotte in commistione con Trento Film Commission, che parla della realtà locale in Trento Film Festival.

25 minuti di pellicola per parlare di come si è preparata questa squadra – e farla vedere – per Europeada 2016, gara che si è tenuta nel mese di Giugno scorso, per parlare di appartenenza e di amicizia (i giocatori oltre che compagni di squadra sono anche amici tra loro), per parlare di “appartenenza alla comunità” perché dal punto di vista tecnico non è possibile fare delle “scelte” per avere il piede del goleador, ma si possono comunque fare delle scelte che portano a vedere quel “qualcosa” di cui sopra, che può esserci anche se non si sa che ci sia, come può non esserci, se non si sa che esiste. “Uleve” F.C. Lusern dal 2008 fino all’Europeada 2016. In film. In replica il 03.03.2017 alle ore 19.15 presso il cinema Modena.

A cura di Martina Cecco

SHARE
Previous articleTrento Film Festival 65. al via dal 27/04 – 07/05 2017
Next articleTFF 2017: “Vergot” (Orizzonti Vicini)
Giornalista. Ha coltivato il mestiere di scrivere a partire dalla giovanissima età. Politicamente impegnata nella destra liberale ha lavorato nel settore stampa delle ACLI e di Azzurro Donna. Dopo l'università frequenta un corso specialistico per comunicazione e web marketing a Milano e comincia a produrre testi per il web. Già collaboratrice radiofonica per Radio Alzo Zero. Ha curato testi di medicina per Tanta Salute e ha seguito un percorso di ricerca scientifica sul PapillomaVirus a Napoli. Dal 2005 si è occupata di temi internazionali e di.solidarietà come responsabile comunicazione in TrentinoSolidale onlus, attualmente segue una rubrica "Deontologicando" su Secolo Trentino, che dirige.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here