Servizi Kiev: raccolte prove su metropolita monastero Kiev

0
443

I servizi di sicurezza ucraini (Sbu) affermano di aver raccolto prove fondate riguardo al coinvolgimento del metropolita Pavel del monastero delle Grotte di Kiev Pechersk Lavra nell’incitamento all’inimicizia religiosa, giustificando e negando l’aggressione armata russa contro l’Ucraina. Lo riferisce Ukrinform citando il servizio stampa di Sbu. In particolare, è stato stabilito che nei suoi discorsi pubblici il metropolita ha ripetutamente offeso i sentimenti religiosi degli ucraini, umiliato le opinioni dei credenti di altre fedi e cercato di creare atteggiamenti ostili nei loro confronti, nonché fatto dichiarazioni che giustificano o negano le azioni della Russia. “La legge e la responsabilità per la sua violazione sono uguali per tutti, e le vesti da sacerdote non sono sempre una garanzia di intenzioni pure. Oggi, il nemico sta cercando di utilizzare l’ambiente della chiesa per promuovere la sua propaganda e dividere la società ucraina. Non ne daremo loro la possibilità!”, ha dichiarato il capo della Sbu, Vasyl Maliuk.
Secondo Unian inoltre la Sbu ha anche pubblicato frammenti delle conversazioni personali del metropolita che confermerebbero le accuse mosse contro di lui. In una delle conversazioni riferite si rallegrerebbe per l’occupazione di Kherson, definendo quella della Federazione Russa “una guerra tra America e Russia fino all’ultimo ucraino”. Fonte: Rainews.

Adesso ecco il diktat scaturito dal gruppo di lavoro interministeriale sulle organizzazioni religiose: via definitivamente dal monastero e stop all’accordo con cui lo Stato assegna l’area alla Chiesa accusata di “contiguità” con l’invasorePer il presidente Zelensky, la decisione è «un altro passo verso il rafforzamento della nostra indipendenza spirituale». E annuncia: «Non daremo ad alcun Stato terrorista l’opportunità di manipolare la vita spirituale del nostro popolo, di distruggere i santuari ucraini – le nostre Lavra – o di deturpare i valori in essi custoditi». Dura la risposta della Chiesa ortodossa: «Non abbiamo alcuna informazione sul fondamento giuridico di tali azioni. Pertanto l’unico motivo dello sfratto dei monaci è il capriccio dei funzionari del ministero della Cultura, proprio come era avvenuto durante il regime sovietico negli Anni ‘60».

https://www.google.com/amp/s/www.avvenire.it/amp/mondo/pagine/ucraina-monaci-patriarcato-di-mosca-cacciati

I fedeli riuniti davanti al sito religioso hanno impedito oggi ai rappresentanti del governo ucraino di entrare nel Monastero delle Grotte di Kiev, dove avrebbero dovuto mettere i sigilli ad alcuni degli edifici per fare sgomberare i monaci della Chiesa ucraina fedele a quella di Mosca. Lo riferiscono le agenzie russe citando i media locali.
Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha detto che Mosca “condanna risolutamente la pressione delle autorità di Kiev” sui monaci del monastero. “Nessuno rimarrà indifferente al loro destino”, ha aggiunto. (ANSA).
Su ordine del governo ucraino, i monaci residenti nella Kyiv-Pechersk Lavra (Monastero delle grotte di Kiev) membri della Chiesa ortodossa ucraina-Patriarcato di Mosca (UOC-MP) hanno dovuto evacuare i locali a partire da oggi.

Le operazioni di trasloco sono iniziate questa mattina in mezzo a un grande dispiegamento di polizia, soprattutto per garantire che nessun oggetto o mobile appartenente alla Lavra (complesso monastico) di proprietà statale non fosse rimosso.

Fin dalle ore piccole, i fedeli si sono radunati sul posto, senza particolari intenzioni di protestare, ma cantando e pregando negli angoli del sagrato di fronte all’ingresso, sorvegliati dalla polizia.

Diversi monaci iniziarono a lasciare i locali, portando con sé diverse macchine. Quando i giornalisti gli hanno chiesto cosa stessero facendo, non sono riusciti a spiegare dove stessero andando. “Non posso dire a cosa servono”, disse un giovane monaco mentre caricava un grosso attrezzo industriale.

Negli ultimi anni, oltre alle aree destinate a scopi religiosi, la Lavra ha fornito spazi per realizzare mobili e attrezzature varie, per lo più per scopi commerciali, nonché macchine da stampa per libri e riviste.

Per i membri della comunità monastica pro-Mosca, non sarà facile trovare un nuovo posto dove trasferirsi, soprattutto dopo che la Chiesa ortodossa ucraina è destinata a perdere altri siti di proprietà statale, che sono già stati visitati dalle autorità ucraine.

La Chiesa ortodossa ucraina non è riuscita a rispettare i termini del contratto di locazione che aveva firmato con le autorità ucraine, in particolare per quanto riguarda l’uso del monastero per uso commerciale, che ha portato alla risoluzione del contratto di locazione.

Ora la Chiesa ortodossa autocefala dell’Ucraina (OCU) potrebbe prendere il controllo della Lavra dal suo rivale filo-russo, questo secondo Dmytro Horevoy (Gorevoy), direttore del Centro per la sicurezza religiosa, un istituto privato per l’analisi socio-religiosa con sede a Kiev.

Due monasteri del 12 ° e 17 ° secolo a Chernigov, e il 17 ° secolo Pochaiv Lavra nella regione di Ternopil, dovrebbero seguire, ha aggiunto Horevoy, dal momento che “anche loro sono proprietà dello stato ucraino”.

Il ministro della Cultura ucraino Oleksandr Tkachenko ha già dichiarato che i contratti di locazione su questi monasteri “saranno terminati”, così come quelli di altri edifici simili come il monastero di Sviato-Troitskyi [Monastero della Santissima Trinità] a Korets (Oblast di Rivne).

Ora le autorità ucraine potrebbero emanare un decreto che vieta ogni legame legale ed ecclesiastico con il Patriarcato di Mosca, spogliando così la Chiesa ortodossa ucraina di tutti i suoi beni nel paese, non solo di quelli che ha affittato dal governo.

Dopo le accuse di aver violato i termini del suo contratto di locazione sui grandi monasteri antichi, potrebbe essere accusato di collaborare con il nemico, cosa che potrebbe comportare la fuorilegge della Chiesa nel suo complesso. Attualmente, la Chiesa ortodossa ucraina ha 12.000 parrocchie in tutta l’Ucraina. (AsiaNews)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome