La lezione di Hong Kong a Pechino e all’Occidente. Joshua Wong: “Deluso da Di Maio”

0
87

Scendere in piazza e protestare contro un regime come quello cinese non è affatto un gioco da ragazzi. In democrazia, se naturalmente non vengono commessi atti violenti o danneggiamenti ai beni pubblici e privati, si manifesta per tutta la giornata e alla sera si è sicuri di poter andare a dormire nel proprio letto. Questa certezza non può essere granitica in un Paese succube di una dittatura, perché è abbastanza facile subire almeno un arresto o peggio ancora, essere raggiunti dalle pallottole della polizia. Sfilare per le strade di Hong Kong, per più settimane consecutive, e ribadendo quindi delle posizioni notoriamente inaccettabili per Pechino, richiede grande coraggio. Non è poi così lontano il ricordo della repressione di Piazza Tienanmen da parte del Partito Comunista Cinese.


Joshua Wong, il leader di fatto del fronte pro-democrazia di Hong Kong, sebbene egli non rivendichi alcuna leadership, e tutti gli attivisti che da molti mesi mettono in pericolo la loro incolumità per proteggere l’ex colonia britannica dalla morsa della Cina continentale, meritano il plauso e l’appoggio concreto del mondo libero. L’America di Trump, attraverso la firma del presidente al “Hong Kong Human Rights and Democracy Act”, legge bipartisan varata dal Congresso americano a sostegno dei militanti democratici, non sembra avere dubbi in merito a quale sia la barricata giusta della Storia, mentre la solita Europa preferisce per l’ennesima volta la politica dello struzzo.


Ieri Wong è stato ospite – purtroppo solo in collegamento video per le misure restrittive a cui è sottoposto – di una conferenza organizzata al Senato dal senatore Aldolfo Urso, di Fratelli d’Italia, e dal Partito Radicale (dal membro della presidenza Giulio Terzi e dalla rappresentante all’Onu Laura Harth), a cui hanno preso parte anche parlamentari di altri gruppi politici (FI, Lega e Pd). Ai parlamentari italiani Wong ha chiesto “di adottare misure simili al provvedimento approvato dagli Stati Uniti, con un chiaro messaggio da parte dell’Italia di fermare le violazioni dei diritti umani”, in particolare per quanto riguarda “l’esportazione di armi antisommossa e mezzi utilizzati dalla polizia a Hong Kong”.

Si è detto “consapevole che gli imprenditori e i leader politici abbiano paura di sollevare preoccupazioni sui diritti umani con Pechino, temendo che questo possa in qualche modo andare contro i loro interessi economici”, ma la sua “richiesta umile” è che Italia e Ue rimangano fedeli ai diritti umani che sono alla base dell’Unione europea e non chiudano gli occhi su quanto sta avvenendo a Hong Kong.
Oltre alle proteste popolari, che sono ben lontane dal chiudere i battenti, un altro avvenimento politico importantissimo sta scuotendo Hong Kong. Non siamo allo stravolgimento definitivo di un equilibrio politico, ma si tratta comunque di un segnale forte, impossibile da ignorare per la corte di Xi Jinping. Parliamo ovviamente delle elezioni distrettuali tenutesi qualche giorno fa. La regione è suddivisa a livello amministrativo in 18 distretti, e si è votato per rinnovare i consigli di queste istituzioni locali. Su un totale di 452 seggi in palio, ben 390 sono stati conquistati dai candidati pro-democrazia, vicini agli attivisti di Joshua Wong, e l’affluenza ha toccato il 70 per cento. Questi dati dicono tante cose al regime del PCC in primo luogo, ma anche a quegli occidentali che evitano, tramite qualche menzogna bella e buona, di attribuire un’importanza storica a quanto sta avvenendo nell’ex colonia britannica, e preferiscono probabilmente non rendersi troppo antipatici di fronte agli occhi della Cina continentale.


Com’è noto, Hong Kong, a differenza del resto della Cina, gode dal 1997 di qualche strumento di partecipazione democratica in più, e di una speciale autonomia, anche se minacciata dalle mire di Pechino. I cittadini di quel luogo dimostrano, dinanzi al potere centrale, di non avere paura nell’usare quel poco di libertà di cui ancora dispongono. Anzi, ne pretendono a gran voce di più. La Cina non mollerà facilmente la presa su Hong Kong, ma grazie a Joshua Wong e alla netta affermazione del fronte anti-establishment alle elezioni distrettuali, i potenti del Dragone sanno di avere a che fare con un popolo spinto da una coscienza democratica difficile da domare. Agli occidentali compiacenti, chiamiamoli così, la massiccia partecipazione al voto e il risultato inequivocabile dicono che la stragrande maggioranza della popolazione, la maggioranza silenziosa potremmo dire, condivide quanto viene fatto dagli attivisti di piazza, che non rappresentano affatto una piccola elite di invasati, magari foraggiati dall’estero.


In Italia abbiamo, purtroppo, chi fa l’occhiolino all’autoritarismo cinese, e se ne infischia altamente della libertà agognata dai giovani di Hong Kong. Da Romano Prodi, da sempre amico di Pechino, a Beppe Grillo, che trascorre ore nell’ambasciata cinese a Roma nel bel mezzo di un momento delicato per la tenuta del governo, fino ad arrivare a Luigi Di Maio. Un altro messaggio di Joshua Wong all’Italia è di “stare attenta a non dipendere troppo dagli interessi economici, e in particolare al progetto Belt and Road Inititative. Non è altro che una strategia della Cina per influenzare i Paesi. E voglio lanciare un chiaro messaggio al ministro degli esteri Di Maio: non esiste un pranzo gratis nel mondo”. Wong si è detto “deluso” dalle “dichiarazioni indifferenti” del nostro ministro degli esteri e “rammaricato” anche delle parole di Papa Francesco. Impossibile dare torto a questo ragazzo.

Di Roberto Penna su Atlantico Quotidiano QUI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here