Ponta Rieletto. Il voto rumeno fa ben poco per porre fine alla politica di interdizione

0
648

Per mesi, l’Europa ha osservato con preoccupazione la situazione di stallo politico in Romania. Le elezioni parlamentari di domenica sono state l’ aiuto che i leader della UE stavano aspettando. Con la vittoria del primo ministro Victor Ponta, la sua amara battaglia con il presidente probabilmente continuerà.

Molti avevano sperato che le elezioni parlamentari di domenica in Romania potrebbero mostrare una via d’uscita dalla dannosa rivalità tra il primo ministro del paese e il presidente che ha paralizzato il Paese per mesi. Tali speranze, tuttavia, si sono rivelate vane, con risultati ufficiali da cui risultano che il partito al governo del Paese ha messo a segno una vittoria schiacciante, assumendo quasi i tre quinti dei seggi in parlamento e fino al 60 per cento del totale dei voti.

Il risultato sembra destinato a far aumentare la resa dei conti tra il premier amareggiato Victor Ponta e il presidente Traian Basescu, anche la Romania lottando per pagare i debiti, alle prese con la corruzione e con massicce proteste anti-austerità. Prima del voto, Basescu ha detto che non avrebbe nominato Ponta primo ministro il partito di Ponta, Social Liberal Union, dovrebbe uscire in anticipo, la continuazione di una lotta per il potere che i due hanno ingaggiato da mesi. Ma i risultati di domenica potrebbe fare la promessa di un difficile da sostenere.
“Abbiamo vinto una netta maggioranza, una maggioranza riconosciuta dai nostri avversari che devono accettare le regole della democrazia”, ​​ha detto Ponta domenica sera. “Assicuro loro che tratteremo l’opposizione con il rispetto che non abbiamo avuto quando eravamo all’opposizione.”

Di particolare interesse è una scadenza, € 5 miliardi di euro tra la Romania e il Fondo monetario internazionale. Un nuovo accordo deve essere trovato entro l’inizio del 2013 e ogni ritardo potrebbe essere dannoso per il Paese già fragile per economia e moneta. Il bene del Paese, però, non è sempre stato in prima linea come Ponta e Basescu, il cui partito ha preso domenica meno del 17 per cento dei voti, hanno litigato al livello più alto possibile in una battaglia per il potere, la corruzione e il futuro della democrazia in Romania.

Risoluzione per la ‘guerra civile’?

Ponta, che ha plagiato parti della sua tesi di dottorato di ricerca e imbottito il suo curriculum con master falsi, ha trascorso gran parte della prima parte dell’anno nel tentativo di progettare un impeachment su Basescu, un’offerta che non è riuscita solo perché l’affluenza alle urne per un referendum sul futuro del presidente è sceso appena al di sotto del minimo del 50 per cento. Di quelli che hanno votato, a stragrande maggioranza erano a favore dell’estromissione di Basescu, anche se il presidente aveva chiesto ai suoi sostenitori di boicottare il voto.

Ponta ha pure chiamato Basescu uno “scorpione che uccide tutto intorno a lui,” il “più grande bugiardo della storia romena” e un “uomo senza vergogna e senza onore.”

Anche se Ponta ha detto che avrebbe accettato i risultati del referendum sull’impeachment in un’intervista con Der Spiegel, ha poi tentato di ottenere l’affluenza alle urne e ha lottato con uno scandalo che ha visto il suo ministro degli interni rassegnare le dimissioni a seguito di uno sforzo per ottenere 2 milioni di romeni all’estero colpito da voti andati a rotoli.

Domenica Ponta ha detto che spera che la politica da “guerra civile” sarà risolta dal voto. Ma, il mandato presidenziale di Basescu non ha scadenza fino al 2014 ed è ora il compito di nominare un primo ministro. Tuttavia, dato che il Parlamento deve approvare la scelta di Basescu, sembra improbabile che sarebbe stato in grado di nominare chiunque non sia Ponta. Inoltre, una continuazione delle ostilità andrebbe solo ulteriormente ad inimicarsi una popolazione rumena che ha espresso frustrazione, nei commenti e alle urne, con lo stato attuale della lotta politica.
Non sono gli unici. Ponta è stato aspramente criticato da parte dell’Unione Europea nel corso della sua macchinazione volta a rovesciare Basescu, particolare mossa che molti hanno interpretato come un superamento dei suoi poteri costituzionali. Nel mese di luglio, l’UE ha fatto saltare la Romania nella sua relazione periodica sui progressi compiuti nel paese.

“Gli eventi in Romania hanno scosso la nostra fiducia,” ha detto al momento il Presidente della Commissione Europea Jose Manuel Barroso. Resta da vedere se le elezioni di domenica sono il primo passo verso il ripristino della fiducia.

jst

fonte: Spiegel online

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome