Cipro: la questione nazionale nel quadro europeo

0
566

di NINNI RADICINI

La visita di Angela Merkel nell’Isola e il negoziato per la riunificazione

La visita a Cipro del Cancelliere tedesco Angela Merkel, l’11 gennaio, ha rappresentato un avvenimento storico e una occasione per evidenziare la questione cipriota nei suoi effetti nell’ambito della Ue e delle relazioni internazionali. Si è trattato del primo incontro tra il presidente del governo della Germania federale e il presidente della Repubblica cipriota, 49 anni dopo la visita ufficiale a Bonn dell’arcivescovo Makarios III, primo capo di stato di Cipro dopo l’indipendenza nel 1959. Al centro dei colloqui la questione della divisione dell’Isola e il negoziato bilaterale, in corso dal settembre ’08, tra Demetris Christofias, presidente di Cipro, e il leader turco-cipriota Dervis Eroglu. Cipro è divisa in due parti dal 1974, dopo che le truppe della Turchia invasero e occuparono il 37% del territorio, area che nel 1983 autoproclamarono “repubblica turca di Cipro Nord”, dichiarata illegale dall’Onu e riconosciuta soltanto da Ankara.

Angela Merkel, cresciuta nella Germania Est al tempo del muro di Berlino, ha sottolineato di essere emotivamente consapevole del significato della divisione di uno stato e di un popolo. In riferimento al percorso di adesione della Turchia alla Ue ha detto che la soluzione della questione cipriota è determinante così come le relazioni tra Nicosia e Ankara, a partire dall’applicazione del protocollo di unione doganale. La Turchia infatti non permette l’ingresso nel proprio spazio marittimo e aereo a navi e velivoli da Cipro, poiché non riconosce la Repubblica di Cipro bensì soltanto quella turco-cipriota. Questa condizione determina un rallentamento notevole del negoziato di adesione, iniziato nell’ottobre ’05, dato che molti dei trentacinque capitoli previsti non possono essere chiusi e otto non possono nemmeno essere aperti.

Cipro sta attraversando l’attuale fase economica internazionale potendo contare su una inflazione bassa, 1.9% a dicembre ’10 – stesso dato della Germania – che rappresenta il terzo più basso livello di inflazione nella Ue (media: 2.6%), dopo Slovacchia (1.3%) e Olanda (1.8%). I più alti livelli si registrano in Romania (7.9%), Estonia (5.4%) Grecia (5.2%). Nonostante la crisi, la spesa per il settore dell’Istruzione pubblica è passata dal 7.1% del Pil nel ’07 al 7.8% del ’09. Per l’11 sono previste le elezioni legislative. Il governo presieduto da Christofias (Cipro è una repubblica presidenziale) ha una maggioranza composta da Akel – Partito progressista dei lavoratori (nel Parlamento europeo aderente al gruppo Sinistra Unita Europea – Sinistra Verde Nordica) e Diko – Partito Democratico (ad. Alleanza progressista di Socialisti e Democratici), la formazione di Tassos Papadopoulos (1934-2008), già presidente della Repubblica al tempo del referendum sul Piano Annan di riunificazione, bocciato a maggioranza dai greco-ciprioti poiché avrebbe in realtà creato una confederazione con il riconoscimento consequenziale dell’area occupata come stato. Fino a febbraio ’10 faceva parte della maggioranza anche Edek – Movimento per la Socialdemocrazia, uscito per divergenze con la linea di Christofias sul negoziato bilaterale con i turco-ciprioti.

Cipro è nella Ue dall’1 maggio ’04. Lo è nella sua interezza sebbene nella parte invasa e occupata dalla Turchia il governo non possa esercitare la sovranità nazionale e quanto previsto dall’adesione alla Ue. La richiesta turco-cipriota di stabilire relazioni commerciali dirette con l’Ue ha trovato parere negativo in sede comunitaria, a partire dall’ambito giuridico. Lo scorso ottobre il Comitato del Parlamento europeo per le questioni legali, con un voto ad ampia maggioranza (18 “si”, 5 “no”, 1 astensione), ha confermato che il commercio diretto tra Ue e area turco-cipriota occupata è in contrasto con quanto previsto dall’articolo 1(2) del Protocollo n.10 del Trattato di Adesione tra Cipro e Ue firmato nel ’03. Il governo di Cipro ha accolto positivamente la decisione, che conferma la sovranità sull’intero territorio nazionale.

A dicembre ’10 il Parlamento europeo ha approvato una mozione che chiama il governo turco a “sostenere in modo attivo i negoziati per contribuire in termini concreti a raggiungere un accordo e a facilitare il clima per i negoziati attraverso l’inizio immediato del ritiro delle sue truppe dal territorio di Cipro”. La mozione contiene inoltre riferimenti all’adempimento dei criteri di Copenhagen e al miglioramento delle relazioni con gli stati confinanti e della cooperazione tra Ue e Turchia. Ad ottobre, Jerzy Buzek, presidente del Parlamento europeo, ha detto che sarebbe auspicabile vedere Cipro unita entro il 2012, quando Nicosia avrà la presidenza di turno della Ue.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome